QUATTRO GIORNI ALLA SCOPERTA DELLA CARRETERA AUSTRAL (CAMERA SINGOLA)

  • Porto

    Punta Arenas

  • Livello di difficoltà

    Difficile

  • Tipologia

    Giro turistico, Percorso naturalistico, Culturale, Divertimento, Pasto incluso

  • Prezzo

    Adulti

    EUR1999.0

  • Durata ore

    95.5

  • Codice escursione

    5386

Descrizione

Un'opportunità unica per ammirare da vicino le zone selvagge della Patagonia cilena lungo la celebre Carretera Austral, la strada più famosa dell'emisfero sud e, per il Cile, uno dei progetti più ambiziosi e costosi dell'intero XX secolo. Attraversiamo foreste, fiumi, laghi e montagne per giungere un'angolo della terra tuttora incontaminato.



Cosa vediamo

• [Giorno 1] Trasferimento in aereo da Punta Arenas a Balmaceda, Carretera Austral, lago General Carrera - il volo include un breve scalo a Santiago • [Giorno 2] Cochrane, riserva naturale Tamango • [Giorno 3] Navigazione sul lago General Carrera, Capillas de mármol, cena tipica cilena, spettacolo folkloristico • [Giorno 4] Tour di Coyhaique, Puerto Chacabuco



Cosa facciamo

• La costruzione della Carretera Austral iniziò nel 1976, durante il regime del generale Augusto Pinochet, sia per ragioni strategiche sia per collegare comunità distanti tra loro. Si tratta di uno dei progetti infrastrutturali cileni più ambiziosi e difficili di tutto il XX secolo, perché l'aerea attraversata è caratterizzata da fitte foreste, fiordi, ghiacciai, canali e ripide montagne. Pper portare a termine la costruzione fu necessario l'impiego di oltre 10.000 soldati. • Iniziamo il nostro viaggio lungo la Carretera Austral dopo un volo da Puntas Arenas a Balmaceda con scalo a Santiago. Durante il trasferimento e luce permettendo, abbiamo subito l'opportunità di ammirare paesaggi incantevoli, come il pittoresco lago General Carrera, il quarto maggiore lago dell'America del Sud, condiviso da Cile e Argentina (dove viene chiamato lago Buenos Aires). • Il secondo giorno, viaggiamo alla volta di Cochrane, costeggiando il fiume Baker. Giunti a Cochrane, visitiamo la riserva nazionale Tamango, dove ci attende un breve giro in barca e un percorso di trekking poco impegnativo. La riserva offre ai visitatori uno scenario naturale favoloso ed è l'unica area protetta della zona che dà la possibilità di osservare una specie di cervo a rischio di estinzione, chiamato huemul, raffigurato anche nello stemma nazionale del Cile. Non è possibile garantire l’avvistamento di animali. • Il terzo giorno di escursione ci spostiamo da Puerto Guadal a Coyhaique. A metà strada, a Puerto Tranquilo, abbiamo modo di navigare sulle acque del lago General Carrera, nei pressi delle straordinarie Capillas de mármol (letteralmente, “cappelle di marmo”), meravigliose grotte naturali originatesi su solidi isolotti che punteggiano una fascia costiera lunga circa 300 metri. L'azione costante dell'acqua contro la roccia per oltre 300 milioni di anni ha lucidato e scolpito la pietra calcarea che forma le grotte mettendo a nudo il marmo, che ci abbaglia con la bellezza delle sfumature di bianco, grigio-azzurro e rosa prodotte dal quarzo e la limonite. La giornata si conclude con una cena tipica cilena allietata da uno spettacolo folkloristico, poco fuori Coyhaique. • L'ultimo giorno, facciamo un breve tour panoramico di Coyhaique, capitale e principale nucleo urbano della regione di Aysén, fondata nel 1929 come base per la colonizzazione dell'area. La cittadina è impreziosita dalla piazza principale, la Plaza de Armas, originariamente destinata alle attività di intrattenimento domenicali, e da un interessante centro artigianale. Al termine del tour, ci dirigiamo a Puerto Chacabuco, dove risaliamo a bordo della nave.


Cosa c'è da sapere

• La costruzione della Carretera Austral iniziò nel 1976, durante il regime del generale Augusto Pinochet, sia per ragioni strategiche sia per collegare comunità distanti tra loro. Si tratta di uno dei progetti infrastrutturali cileni più ambiziosi e difficili di tutto il XX secolo, perché l'aerea attraversata è caratterizzata da fitte foreste, fiordi, ghiacciai, canali e ripide montagne. Pper portare a termine la costruzione fu necessario l'impiego di oltre 10.000 soldati. • Iniziamo il nostro viaggio lungo la Carretera Austral dopo un volo da Puntas Arenas a Balmaceda con scalo a Santiago. Durante il trasferimento e luce permettendo, abbiamo subito l'opportunità di ammirare paesaggi incantevoli, come il pittoresco lago General Carrera, il quarto maggiore lago dell'America del Sud, condiviso da Cile e Argentina (dove viene chiamato lago Buenos Aires). • Il secondo giorno, viaggiamo alla volta di Cochrane, costeggiando il fiume Baker. Giunti a Cochrane, visitiamo la riserva nazionale Tamango, dove ci attende un breve giro in barca e un percorso di trekking poco impegnativo. La riserva offre ai visitatori uno scenario naturale favoloso ed è l'unica area protetta della zona che dà la possibilità di osservare una specie di cervo a rischio di estinzione, chiamato huemul, raffigurato anche nello stemma nazionale del Cile. Non è possibile garantire l’avvistamento di animali. • Il terzo giorno di escursione ci spostiamo da Puerto Guadal a Coyhaique. A metà strada, a Puerto Tranquilo, abbiamo modo di navigare sulle acque del lago General Carrera, nei pressi delle straordinarie Capillas de mármol (letteralmente, ?cappelle di marmo?), meravigliose grotte naturali originatesi su solidi isolotti che punteggiano una fascia costiera lunga circa 300 metri. L'azione costante dell'acqua contro la roccia per oltre 300 milioni di anni ha lucidato e scolpito la pietra calcarea che forma le grotte mettendo a nudo il marmo, che ci abbaglia con la bellezza delle sfumature di bianco, grigio-azzurro e rosa prodotte dal quarzo e la limonite. La giornata si conclude con una cena tipica cilena allietata da uno spettacolo folkloristico, poco fuori Coyhaique. • L'ultimo giorno, facciamo un breve tour panoramico di Coyhaique, capitale e principale nucleo urbano della regione di Aysén, fondata nel 1929 come base per la colonizzazione dell'area. La cittadina è impreziosita dalla piazza principale, la Plaza de Armas, originariamente destinata alle attività di intrattenimento domenicali, e da un interessante centro artigianale. Al termine del tour, ci dirigiamo a Puerto Chacabuco, dove risaliamo a bordo della nave.