LAGO ESCONDIDO E LAGO FAGNANO IN JEEP

  • Porto

    Ushuaia

  • Livello di difficoltà

    Difficile

  • Tipologia

    Percorso naturalistico, Pasto incluso

  • Prezzo

    Adulti

    EUR234.0

  • Durata ore

    7.5

  • Codice escursione

    5492

Descrizione

Un’avventurosa escursione in Jeep lungo le strade abbandonate della “Tierra del Fuego” (Terra del Fuoco). Partiamo alla volta della foresta subantartica per vedere il tratto finale della Cordigliera delle Ande ed esplorare due meravigliosi laghi glaciali. Una giornata di folle avventura i cui ricordi resteranno con noi anche una volta tornati a casa.



Cosa vediamo

• Escursione in jeep, Ruta Nacional 3 • Terra del fuoco, torbiere, cordigliera delle Ande • Passo Garibaldi, lago Fagnano, lago Escondido



Cosa facciamo

• Partiamo dal porto di Ushuaia in direzione della Ruta Nacional 3, l'autostrada lunga 3.000 km che collega la Terra del Fuoco a Buenos Aires. La strada ci conduce fino al centro dell'isola, percorrendo vallate coperte di torbiere, tipiche del territorio della Terra del Fuoco. In questa zona abbiamo modo di ammirare l'ultimo tratto della cordigliera delle Ande, che in questa zona non supera i 1.500 metri e che attraversiamo tramite il Passo Garibaldi, a 450 metri sul livello del mare. La particolarità di questo luogo, che ha una quota piuttosto irrisoria rispetto ai passi di montagna a cui siamo abituati, è la sua posizione: si tratta infatti del passo più meridionale del mondo. Da questa posizione privilegiata, possiamo ammirare la splendida vista sui laghi Fagnano e Escondido. • Percorriamo antiche strade ormai abbandonate, utilizzate decenni fa per il trasporto del legname e sulle quali si può viaggiare solo su Jeep. Un’opportunità unica di inoltrarsi nella foresta subantartica e apprezzarla da una nuova prospettiva. La strada ci porta al meraviglioso lago Fagnano. Gli indigeni Selknam chiamavano questo lago il “”riposo dell'orizzonte””, perché la linea dell'orizzonte costituita dalla catena delle Ande viene interrotta dal lago per poi continuare al di là di esso. • Proseguiamo verso un laghetto più piccolo ma estremamente bello, il lago Escondido, circondato da boschi e dai monti della cordigliera. Il colore delle sue acque varia a seconda del momento della giornata e della luce del sole. Ci fermiamo brevemente lungo la riva e ripartiamo per il viaggio di ritorno superando nuovamente il Passo Garibaldi. Un barbecue a base di “asado” ci attende a Nunatak, un rifugio sportivo invernale situato nella Valle Tierra Mayor, prima di tornare al porto.


Cosa c'è da sapere

• Partiamo dal porto di Ushuaia in direzione della Ruta Nacional 3, l'autostrada lunga 3.000 km che collega la Terra del Fuoco a Buenos Aires. La strada ci conduce fino al centro dell'isola, percorrendo vallate coperte di torbiere, tipiche del territorio della Terra del Fuoco. In questa zona abbiamo modo di ammirare l'ultimo tratto della cordigliera delle Ande, che in questa zona non supera i 1.500 metri e che attraversiamo tramite il Passo Garibaldi, a 450 metri sul livello del mare. La particolarità di questo luogo, che ha una quota piuttosto irrisoria rispetto ai passi di montagna a cui siamo abituati, è la sua posizione: si tratta infatti del passo più meridionale del mondo. Da questa posizione privilegiata, possiamo ammirare la splendida vista sui laghi Fagnano e Escondido. • Percorriamo antiche strade ormai abbandonate, utilizzate decenni fa per il trasporto del legname e sulle quali si può viaggiare solo su Jeep. Un’opportunità unica di inoltrarsi nella foresta subantartica e apprezzarla da una nuova prospettiva. La strada ci porta al meraviglioso lago Fagnano. Gli indigeni Selknam chiamavano questo lago il ?”riposo dell'orizzonte?”, perché la linea dell'orizzonte costituita dalla catena delle Ande viene interrotta dal lago per poi continuare al di là di esso. • Proseguiamo verso un laghetto più piccolo ma estremamente bello, il lago Escondido, circondato da boschi e dai monti della cordigliera. Il colore delle sue acque varia a seconda del momento della giornata e della luce del sole. Ci fermiamo brevemente lungo la riva e ripartiamo per il viaggio di ritorno superando nuovamente il Passo Garibaldi. Un barbecue a base di “asado” ci attende a Nunatak, un rifugio sportivo invernale situato nella Valle Tierra Mayor, prima di tornare al porto.