DALLE IMPONENTI ROVINE DI MY SON ALL'ANTICA HOI AN

  • Porto

    Da-Nang

  • Livello di difficoltà

    Facile

  • Tipologia

    Giro turistico, Culturale, Shopping, Pasto incluso

  • Prezzo

    Adulti

    USD74.0

  • Durata ore

    7.5

  • Codice escursione

    6130

Descrizione

Dalle sito sacro di My Son, antico luogo di culto durante il regno Champa, alla città di Hoi An, porto marittimo dall'importante passato commerciale, nel cui mercato scopriamo anche uno spaccato della vita e della cultura vietnamita.



Cosa vediamo
  • Tipico paesaggio rurale del Vietnam centrale
  • Sito sacro My Son
  • Antica città di Hoi An
  • Pranzo in ristorante tipico
  • Ponte giapponese coperto
  • Visita a una delle antiche case di Hoi An
  • Mercato di Hoi An


Cosa facciamo
  • Partiamo in pullman alla volta di My Son, percorrendo una strada provinciale lungo la quale possiamo ammirare il tipico paesaggio rurale del Vietnam centrale.
  • Arriviamo quindi alle imponenti rovine di My Son, un sito archeologico dichiarato dall'UNESCO Patrimonio Mondiale dell'Umanità. Il complesso monumentale si trova a circa 70 kilometri a sud ovest della città di Da Nang ed è nato come luogo di culto e di preghiera per gli induisti durante il regno Champa; motivo per cui custodisce ancora numerose testimonianze religiose tra cui templi, strumenti di lavoro di uso quotidiano e meravigliose sculture.
  • La visita del sito è allietata da un piacevole spettacolo locale Champa ricco di musica e danze.
  • Lungo la strada sterrata che ci conduce alle torri, possiamo ammirare numerosi templi nascosti tra gli alberi, dove gli abitanti Champa erano soliti pregare.
  • Lasciata My Son, proseguiamo il tour verso l'antica città di Hoi An, nella provincia di Quang Nam, situata sulle sponde del fiume Thu Bon 30 kilometri a sud ovest di Da Nang, porto marittimo che è stato in passato il centro commerciale più fiorente di tutto il Vietnam centrale. L'architettura, la cultura e i costumi di Hoi An sono stati molto influenzati dalla presenza di occidentali e asiatici. Passeggiando per le strette viuzze del centro cittadino possiamo infatti ammirare templi, case popolari, portici, negozi e molti edifici antichi in stile cinese, giapponese e vietnamita. Molte di queste strutture mantengono tutt'oggi l'arredamento antico, porte e finestre in legno e tutto lo splendore del passato.
  • Ci rechiamo quindi in un ristorante locale dove possiamo degustare un tipico pranzo vietnamita, concluso il quale riprendiamo il tour con una visita al ponte giapponese coperto, costruito nel 1593 dalla comunità giapponese di Hoi An per collegare il proprio quartiere a quello cinese al di là del fiume. Il ponte fu coperto da un tetto per fornire riparo dal sole e dalla pioggia e, nonostante il corso dei secoli, sfoggia ancora oggi decorazioni fedeli al disegno originale giapponese.
  • Lasciato il ponte, visitiamo una delle vecchie case di Hoi An, Nguyen Tran Ancient House o Ky House, costruite quasi due secoli fa da un mercante vietnamita con uno stile architettonico che denota influenze cinesi e giapponesi.
  • Ultima tappa della nostra escursione è il mercato di Hoi An, sulla sponda del fiume di Thu Bon; il mercato offre uno spaccato della società vietnamita e dell'atmosfera di ospitalità che la contraddistingue. Nel mercato, considerato uno dei siti più sviluppati dell'antica città di Hoi An, troviamo in vendita prodotti di ogni tipo: pesce, ortaggi, carne, frutta, ma anche oggetti artigianali, vestiti, gioielli e molto altro ancora.
  • Nuovamente a bordo del pullman, facciamo ritorno a Da Nang e raggiungiamo il porto di Tien Sa.

Cosa c'è da sapere
  • L'itinerario potrebbe subire variazioni.
  • Si raccomanda di indossare scarpe comode e abbigliamento sportivo.