Tra i promotori dell’iniziativa, ancora una volta Costa si dimostra precursore e sottoscrive insieme ad altre importanti aziende (BulgariFaterENELNovamontIntesa SanpaoloFerragamo ed Eataly) il MANIFESTO per l’economia circolare che coinvolge, come capofila per ciascun settore, un’azienda protagonista del Made in Italy a livello internazionale. Per un’azienda come Costa, già fortemente impegnata su questo tema, è importante creare un sistema virtuoso a bordo delle navi che permetta di trasferire il valore anche a terra, attraverso un lavoro condiviso con i principali stakeholder: i porti e i consorzi. Un esempio concreto è quello legato alla gestione dei rifiuti: a bordo delle navi non solo viene effettuato il 100% di raccolta differenziata, ma i materiali vengono raccolti in modo che siano già pronti per essere avviati al riciclo una volta scaricati in porto. La collaborazione con il CIAL e Autorità Portuale di Savona permette di recuperare l’alluminio a nuova vita con risvolti positivi a livello ambientale e sociale. La firma del Manifesto e il lavoro congiunto con alcuni dei signatari porterà a realizzare progetti di sostenibilità' analoghi attraverso il recupero della plastica e del vetro.

La firma che ha avuto luogo il 29 novembre 2017 a Roma costituisce un importante punto di partenza per rafforzare le collaborazioni interne ed esterne tra le imprese sul fronte dell’innovazione, della competitività e delle prestazioni ambientali per attivare un percorso che favorisca il posizionamento dell’Italia nel contesto internazionale.

1 of 3