In occasione della Climate Week organizzata dalle Nazioni Unite, i leader mondiali si sono incontrati il 25 settembre a New York per rivedere i progressi raggiunti rispetto all’Agenda 2030.

In occasione del meeting annuale di Champions 12.3, Costa ha presentato il progetto 4GOODFOOD e ha condiviso i principali risultati sulla riduzione degli sprechi alimentari del 50% entro il 2020. Il modello di business di Costa è orientato verso lo sviluppo sostenibile dell'azienda che si impegna per contribuire attivamente alla conservazione delle risorse per le generazioni future.

Nel settembre 2015, le Nazioni Unite hanno adottato 17 obiettivi di sviluppo sostenibile per garantire consumi e modelli produttivi sostenibili. L'obiettivo 12.3 su consumo responsabile chiede di dimezzare gli sprechi alimentari globali in termini di vendita al dettaglio edi consumatorie di ridurre le perdite alimentari lungo le catene produttive e di approvvigionamentoentro il2030. Champions 12.3 è nato da questo obiettivo ed è volto a creare le condizioni per soddisfarlo. Al centro del progetto di coinvolgimento e sensibilizzazione come sempre il mondo delle imprese e la coalizzazione Champions 12.3 catalizza l’impegno dei più grandi player a livello globale.

Durante l’evento al Project Farmhouse di New York, Liz Goodwin, Senior Fellow e Director, Food Loss e Waste of the World Resource Institute, ha guidato la discussione introducendo le sfide globali per la riduzione allo spreco alimentare, ma anche i progressi compiuti nell'ultimo anno da organizzazioni e aziende internazionali. Ogni anno, vediamo sempre più aziende impegnate nella riduzione degli sprechi alimentari e conseguenti risultati positivi. Essere stati nominati Friends of Champions rappresenta quindi un traguardo molto importante tra le leading companies.

Il report sui progressi raggiunti, in cui anche il case study Costa viene citato, è disponibile a questo link.
Nel corso della riunione, alla presenza di Josefa Leonel Correia Sacko, Commissioner for Rural Economy and Agriculture, African Union Commission, e di Vytenis Andriukaitis, European Commissioner for Health and Food Safety, Stefania Lallai ha contribuito alla discussione incentrata sul ruolo aziendale nell'incentivare la riduzione degli sprechi alimentari. Altri relatori erano Selina Jull, Chairman del Board e Fondatrice di Stop Wasting Food, e Michael LaCour, Managing Director IKEA Food Services.