La collaborazione tra Costa Crociere e Fondazione Banco Alimentare Onlus per il recupero e il riutilizzo a fini sociali delle eccedenze alimentari prodotte a bordo delle navi da crociera arriva a Genova il 12 aprile con Costa Fortuna.

Il capoluogo ligure, da 70 anni “casa” di Costa Crociere, entra ufficialmente nel programma delle donazioni alimentari, che consente la raccolta del cibo preparato, ma non servito, a bordo e la sua distribuzione a organizzazioni locali che forniscono assistenza a persone in difficoltà.

In particolare, una volta a settimana, gli ottimi piatti preparati ma non serviti nelle aree ristorazione di Costa Fortuna saranno consegnati ai volontari del Banco Alimentare e destinati alla struttura “La Casa dell’Angelo – Opera don Guanella”, che da 68 anni accoglie ragazzi da 6 a 18 anni con gravi problematiche sociali e familiari, offrendo un progetto educativo e di vita ad ognuno di loro.

Avviato nel luglio 2017, il programma di donazioni alimentari di Costa Crociere è oggi attivo in Italia nei porti di Savona, Civitavecchia, Bari e Palermo, è stato esportato in Francia e Spagna, a Marsiglia e Barcellona, e, dallo scorso dicembre, ha superato i confini del Mediterraneo, arrivando anche in Guadalupa e Martinica. In 21 mesi sono state così distribuite oltre 100.000 porzioni di cibo ad un totale di undici associazioni che si occupano di persone in difficoltà. In questo modo è stata attivata e potenziata a livello internazionale una significativa interconnessione tra le navi, il territorio e le comunità.

La donazione delle eccedenze alimentari, gestite attraverso la collaborazione con la Fondazione Banco Alimentare Onlus, rientra nell’ambito del progetto 4GOODFOOD, attraverso cui Costa Crociere ha deciso per prima di rivisitare il tema del cibo in chiave sostenibile, con l’obiettivo di ridurre gli sprechi alimentari del 50% entro il 2020 a bordo delle navi.