E’ ormai passato un anno dall’inaugurazione del progetto di collaborazione tra Costa e Fondazione Banco Alimentare per la raccolta di cibo preparato e non servito nei ristoranti di bordo, che ha prodotto quasi 50.000 porzioni pronte da donare alle persone in difficoltà. Quale modo migliore di celebrare questo anniversario, se non l’inserimento di un nuovo porto: il 17 luglio 2018 Costa Fascinosa ha sbarcato, per la prima volta, le eccedenze alimentari prodotte a bordo nel porto di Palermo!
Il programma ha recentemente visto l’ingresso dei porti di Bari e Marsiglia (maggio 2018) aggiuntisi a Savona e Civitavecchia, espandendosi nel Mediterraneo e acquisendo una dimensione internazionale con il porto francese.

I pasti di Costa saranno conferiti ogni martedì dai volontari del Banco Alimentare alle persone bisognose presso la Parrocchia di Santa Maria della Pace di Palermo, in cui i volontari del Centro S. Francesco gestiscono una mensa popolare per circa 100 persone.

La cerimonia del primo sbarco palermitano è stata aperta il 17 luglio, dal Comandante di Costa Fascinosa Pasquale Arena. Molte le personalità di rilievo intervenute: Giuseppe Carino, Vice President Guest Experience&OBS Costa Crociere, Giuseppe Parma, Direttore Generale Banco Alimentare, Stefania Lallai, Sustainability External Relations Director Costa, e i contributi video dell’ On. Simona Bonafé, membro del Parlamento Europeo e dell’On. Maria Chiara Gadda, deputato e promotrice e relatrice Legge 166/16 a favore delle donazioni di eccedenze alimentari. Presenti inoltre Agenzia delle Dogane, Autorità Portuale, Capitaneria Porto di Palermo.

Durante la conferenza sono stati sottolineati il bilancio positivo e la grande portata del progetto di collaborazione dopo un anno di attività, anche in funzione della coerenza con il Pacchetto UE sull’Economia Circolare. E’ stato inoltre fatto un focus sulla realtà di Palermo evidenziando l’importanza di quest’ultima tappa di crescita. Come elemento distintivo il virtuosismo della partnership completa lo scenario, evidenziando l’evoluzione del progetto e la volontà di tutti i soggetti coinvolti di garantirne il futuro e la continuità nel tempo.